giovedì 17 ottobre 2013

Grimm 3

Ciao a tutti, in attesa che ricominci il nostro amato Grimm, ho pensato di creare una galleria con le immagini di tutti i mostri incontrati nelle precedenti serie. Una specie di "manuale dei mostri"...
Potrete trovare le immagini nella sezione WESEN! Appena avrò il tempo e la pazienza lo farò diventare un vero e proprio manuale... Intanto eccovi la locandina della 3° serie del nostro Grimmettino preferito.

mercoledì 16 ottobre 2013

sabato 5 ottobre 2013

We're the Millers!

Ieri sera, "serata sul divano".
Abbiamo festeggiato il nostro 13° anno di matrimonio. Saremmo andati volentieri al cinema, ma la baby-sitter nel pomeriggio era impegnata, per cui c'è stato un cambio di programma. I bimbi alle 20:00 tutti a nanna, pizzeria puntualissima con il domicilio... usb pronta!
Il film scelto è stato "We're the Millers!", tradotto (orribilmente) con "Come ti spaccio la famiglia".
Il film è stato un mix di volgarità irriverenti, risate e riferimenti esilaranti...
Sicuramente la critica lo butterà giù, ma che dire... io mi sono divertita un sacco.
Ridevamo spesso e quando ridevamo era una risata fragorosa... abbiamo anche pensato che avremmo svegliato i bambini se non avessimo abbassato la voce.
Gli equivoci sono continui, i doppi sensi e le battute dirette sono uno spasso...
la gaffe dello skateboard, l'orca che si mangia il delfino, gli 80 pesos, con tutta la parte volgare, il bacio, lo striptease, il tipo che dice di continuo "se mi capisci"... e la risposta di David... la famiglia della "D.E.A.", il neonato investito e lo shock... un continuo... ahahahaha...
- mettiamo un po' di musica... "..so no one told you life was gonna be this way..." la faccia di Jennifer Aniston è troppo da ridere... (per chi non lo sapesse, [dubito che ci sia qualcuno che non lo sa] quella che parte alla radio è la canzone della sigla di Friends, mitico telefilm con Jennifer Aniston, Matt LeBlanc, Matthew Perry, David Ross, Courtney Cox e Lisa Kudrow)
Cmq, questa è la locandina e andatelo  a vedere prima che lo tolgano dalle sale...

venerdì 27 settembre 2013

Tru calling... to be continued?

Oggi ripensavo alla mia serie preferita, che hanno cancellato. Pensavo al fatto che avessero lasciato tutto in sospeso e a quanto questo mi abbia rattristata. Non sapere cosa succede a Tru e Jensen, o ad Harrison, Jack e il padre di Tru... Così, siccome tempo fa su internet trovai notizie su svariate petizioni fatte agli autori per terminare la serie con un paio di episodi conclusivi, oggi ho cercato ancora e mi sono imbattuta in quello che leggerete qui sotto. Si tratta di un'intervista fatta ad uno degli autori, in cui svela quello che avrebbe dovuto succedere nella seconda stagione... in particolare lo svolgersi degli eventi dopo il salvataggio di Jensen, che non aveva chiesto aiuto a Tru, ma che lei aveva salvato cmq...
     ________________________________________________
"Right. I can see from the several thousand people who have written me about it, you want to know about the Jensen arc. 
Remember the basic mythology: two warring powers of Fate, one of whom offers selected souls a chance to return and live again. Now, we don't know which power is the "good" one, if we assume there is a good one; the power behind Tru clearly doesn't make this offer to everyone who ever dies, or even everyone who ever died violently. That power has an agenda of its own, to shape human fate in a certain way, and the threads it pulls are in service of that. The individuals who are saved have roles to play in their lives that will send history off in new avenues. All that being said, the power Tru works for does offer more than its opposing force does; it offers a choice to those it selects.
Jensen dies. The audience point of view is not privileged to see what happens to his soul (for lack of a better term) next. But we know he never "wakes," he never asks Tru for help. Either his soul never had that door opened for it -- never had the chance to return -- or he refused it. In which case, his soul's gone on to wherever souls might go.
Tru, however, saves him just the same, when her day rewinds. When Jensen’s dead body lies in front of her she doesn’t know the truth, that he’s already gone -- though she may have some suspicions that what she wants to do is wrong, or dangerous; Davis suggests as much to her. But she’s had enough of losing people. Enough of rearranging her life for some power she can’t understand. She makes her own decision and it’s to stay awake as long as it takes, because if Jensen won’t ask for help, someone else eventually will; and she’ll save them both. The hell with Fate.
But Jensen's soul is already committed -- it can't return, but his body, memories, and the habits of his personality continue after the time he "died." The idea was that over the course of the arc we would gradually see anomalies of character develop -- unsettling moments, as the imprint of Jensen's personality disintegrates, at the same time it becomes fascinated with death, in an almost wistful way. This would be pretty damned creepy, coming as it does alongside Tru's growing physical intimacy with him. Jane Espenson wrote a beautifully disturbing scene that I'm sorry you'll never get a chance to see -- on one level, it's just Tru and Jensen talking on the sofa during a movie, and on another level, oooooh. 
As the arc plays out, we hear the jarring comments he'll occasionally make, the way the things that used to mean something to him -- like his need for his father's respect -- are just no longer vulnerabilities. We see scenes that suggest a growing involvement with violence, in an unsettling but ambiguous way, so Tru can't be sure it's there or not. Till one morning Tru wakes in bed with Jensen and goes about her day, which rewinds over the murder of Jensen's father. Just before the rewind she learns that not only did Jensen do it, he's been behind a string of recent killings (born of his fascination with learning about the thing he's apparently been barred from -- i.e., death).
She rewinds -- and wakes up in bed next to him, knowing now that he's a monster. 
And that she created him. This was once a young man who won her with his generosity and understanding, his good humor and sweetness. He's still bright, he's still clever, there's no evidence against him. And he'll be creating a lot more victims, starting on this rewind day with his father -- unless she takes the responsibility for putting an end to him. So she finally turns to the person with experience in ending people's lives: Jack. 
That’s the basic arc; it would have brought you about halfway through the season. There were plans for the second half, partly based on the fallout from all this, but as you weren’t left hanging in the middle of that arc, it’s not as urgent. (fonte qui)

domenica 22 settembre 2013

Rientro!

Finalmente è arrivato settembre... il fresco, la pioggia (che amo alla follia), la scuola, che amo perché tiene i bambini occupati per buona parte del tempo e dona a me la tanta agognata libertà T_T !
Poco fa mi accorgevo che in questo periodo ho dedicato pochissimo tempo al mio bloggino... ero troppo occupata con i pargoli.
L'ultimo post risale ad agosto... nonostante film ne abbia visti. Devo ammettere che la maggior parte dei film erano di seconda categoria... ma che volete farci, quando sono a pezzi sento il bisogno di vedere cose molto leggere e divertenti. I classici filmetti pomeridiani hanno svolto bene questo compito.
Ho rivisto, Sidney White, The perfect score, Un principe in giacca e cravatta, LOL... e cosi via.
Quanti film in italia non arrivano neanche... ho visto film in lingua originale che da noi non si sentono neanche nominare. So undercover, ad esempio, è stato divertentissimo. Miley Cyrus è troppo simpatica in originale, fa troppo ridere, doppiata non rende appieno.
Cmq... ero qui per scrivere altro... che non ricordo più...

Pacific Rim

Torniamo a noi.
Ieri sera, "serata sul divano" col mio maritino... dopo non so più quanto tempo.
Anche se in realtà le serate sul divano le passavamo lo stesso a vedere Grimm e Suburgatory anziché i film. Dicevo, ieri abbiamo visto PACIFIC RIM!
Robottoni supergalattici alle prese con mostri stile Gamera e Godzilla... mi aspettavo che apparissero da un momento all'altro i Power Rangers, Megalomen, Goldrake e Mazinga. Distruzioni di massa e scene apocalittiche causate per lo più dai Robottoni, che avrebbero dovuto essere i buoni, ma che al loro passaggio distruggevano tutto. Ma la cosa più incredibile è che gli eroi russi, imbattuti, che avevano protetto il muro difensivo per sette anni consecutivi, all'arrivo dell'americano scapestrato e ribelle di colpo muoiono in combattimento facendo diventare lo sbruffone il nuovo eroe... prima lo deridono tutti a causa del primo allenamento andato male, poi diventa l'eroe che salva tutti e che tutti acclamano... praticamente Iceman e Slider contro Maverick e Goose, prima e dopo... ahahaha... le tute di comando per guidare i jaegers ricordano i classici personaggi tipo bubblegum crisis, dna2 etc. etc.
L'ho voluto vedere senza sapere nulla a proposito per farmi una mia idea... ma penso che alla fine sia lampante da dove hanno preso spunto...
Una cosa ho notato... dicono nel film che per passare dalla breccia viene usato per ogni bestia un codice a barre... non so bene ma mi ha ricordato l'apocalisse di San Giovanni... mah!
Sostanzialmente è stato piacevole, classica americanata, ma alla fine piacciono sempre, no?
Ecco una serie di immagini:
Loro sono gli "Ivan Drago" della situazione... proprio non gli è andata giù la sconfitta di Balboa...

venerdì 23 agosto 2013

Il grande Gatsby

Grande Leo, anche qui si rivela un grandissimo interprete. Gatsby è un uomo dai mille volti, dalle mille qualità, onesto e... innamorato. Tutta la sua vita ruota attorno all'aristocratica Daisy, mai dimenticata e deciso a riconquistare, anche se ormai è sposata e mamma...
Tobey Maguire racconta la sua vita e la sua amicizia con "Gatsby" mentre scrive le sue memorie da una clinica psichiatrica... Racconta di un mondo incantato, ricco e festoso, che vede dalla sua casetta di fianco a villa "Gatsby". Racconta dell'amore degli sfortunati amanti e di come il protagonista, eroe di guerra, vada incontro alla morte a causa degli sbagli di Daisy... fredda e cinica opportunista.
Molto belle le musiche ed è piacevole da vedere, gli do un 7 pieno.

Django - Unchained

Mi viene in mente solo una parola: "SPLATTER"... ma grandioso!
La vendetta e la rimonta, in un western moderno che riprende i classici originali a partire dai titoli di testa. Il cacciatore di taglie è geniale, nn sai se odiarlo o amarlo... ma alla fine fa solo il suo lavoro... solo che preferisce la via più facile, "DEAD or alive"... Leonardo  DiCaprio è favoloso, nn si smentisce mai. Voto: 8

Amiche da morire


Oblivion


mercoledì 7 agosto 2013

Superman - Man of steel

Finalmente l'ho visto. Ho dovuto aspettare un po', ma alla fine grazie ad internet sono riuscita nel mio intento. E' vero l'ho visto in lingua originale con i sottotitoli, peraltro incompleti, ma grazie alla mia passione per l'inglese, ho capito cmq tutti i dialoghi.
L'ho trovato molto ben studiato, molto "umano" nel suo essere extraterrestre, nonché supereroe ricco di poteri. Il suo lato umano è onnipresente, nemmeno per un attimo si sente fuori luogo o superiore agli altri. Forse grazie ai suoi "genitori", forse grazie al suo animo buono e puro, resta il fatto che anche quando poteva "fare il culo" agli sbruffoni, si è sempre trattenuto uscendo sconfitto e deriso dagli scontri, ma inorgogliendo sempre più Johnathan Kent.
- Il mondo non è pronto ad accoglierti, potrebbero avere paura...
- Scegli che tipo di uomo vuoi essere, potresti essere per loro un dio per guidarli e proteggerli, o potresti essere il loro nemico per sopraffarli...
Vive costantemente con questo combattimento interiore:
Chi sono... e chi voglio diventare?
I ricordi costanti di cosa ha vissuto per diventare quello che è, i ricordi di bambino, i ricordi dei Kent, i ricordi di Kripton, Jor El, Zod... il Consiglio, la rivolta... e poi Lois, il Planet, i riferimenti a tutti i personaggi importanti nella storia di Clark, Metropolis, Smallville, i TIR con scritto LEXCORP, il casinò Utopia, Pete, Lana... il sole giallo che gli da i poteri... Non manca proprio nulla a fare di Kal El il nostro amato Clark.
Anche quando sconfigge Zod, il suo animo vive un combattimento estremo; salvare le persone in pericolo significa togliere la vita ad un altro essere, uno della sua gente. Ma lui è a tutti gli effetti appartenente alla terra, per cui le persone innocenti hanno la priorità. Mi è piaciuta anche la fine, con lui che diventa giornalista al Daily Planet e sorridendo rivolge uno sguardo complice a Lois, che a quanto pare ricorda tutto, non come nel film o nella serie tv.
Parliamo di Henry Cavill: allora, devo dire che non è male e a questo punto molte ragazze potrebbero dissentire, dicendo:
- "Carino"?, è molto più che carino...
e giù con gli apprezzamenti.
Ma io non sono il tipo che guarda certe cose, mai stata. Io l'ho trovato semplice e carino, cercando di trovare il Clark che mi è sempre piaciuto, nella sua semplicità. E l'ho trovato, nel sorriso. Ci sono delle scene in cui è ragazzo, sbarbato, con la maglietta grigia e i jeans, alla fattoria, in cui sorride a Martha, e somiglia terribilmente al Clark di Smallville, Tom Welling. Mi ha scioccata e sorpresa la somiglianza... e mi ha colpita al cuore. Ecco Clark ho detto, ora si che è lui.
Poi ci sono delle scene in cui sembra più grande, più serio e pensieroso. In quelle scene mi ha ricordato un altro attore che ha interpretato un personaggio sempre con dei poteri in Heroes, Adrian Pasdar [che interpreta Nathan Petrelli, che come potere sa volare (guarda un po')].
La S che ha sul petto per la loro gente è simbolo di speranza, ma Lois non fa in tempo a finire di pronunciare per la prima volta in tutto il film la parola Superman che vengono interrotti... Bellissimo il ricordo di Martha di lui da bambino verso la fine del film, in cui lo rivede che gioca con i vestiti del padre che erano stesi, maglia rossa sulle spalle tipo mantello e posizione da supereroe mentre guarda il suo cane.
Bellissimo, tutto il film. Non vedo l'ora che esca il bluray, così potrò vederlo sullo schermo da 40'' e non sul mac. Sarà ancora meglio sono sicura.
Ho cercato la locandina che secondo me era la più azzeccata, ma nessuna di quelle che ho trovato rispecchia fedelmente quello che è stato per me il nuovo Clark/Kal El.



martedì 23 luglio 2013

Cory Monteith

Non posso crederci. Sono ancora in lacrime e con il naso che cola. Ho amato Glee dal primo spot e i personaggi da sempre. Ora che stavano per tornare insieme... Tutta la rehab... Non è bastata. È morto a soli 31 anni, all'apice del successo... Ha lasciato dietro di se tanto dolore... Da Lea, a tutti noi fans... È straziante...

giovedì 4 luglio 2013

Il principe abusivo

Alessandro Siani conferma la sua simpatia.
Antonio, il peggior elemento tra gli esseri umani, vive a Napoli facendo da cavia per esperimenti sui medicinali. Viene scelto da Anastasio, il ciambellano di corte, per diventare il futuro amore della principessa del regno, in cerca di fama. Non per sé stessa, come si potrebbe pensare, ma per essere all'altezza delle due donne che l'hanno preceduta, sua mamma e sua nonna.
Col suo aspetto trasandato, con il suo dialetto napoletano molto stretto, risulterà essere molto "poco adatto" alla vita di corte con tutte le sue regole. Letizia d'altra parte lo saprà incantare e lo farà innamorare. Ma le loro vite sono diverse e lui tornerà a Napoli a quello che faceva prima, non senza però averla fatta innamorare.
Con l'aiuto del ciambellano/ciambellone, imparerà, non perfettamente, il bon ton... e insegnerà ad Anastasio le regole del popolo napoletano, per amore di Jessica.
Il film è stato divertente fin dall'inizio e romantico alla fine. Loro due sono molto carini a vederli, ovviamente c'è il lieto fine, che non vi racconto per non togliervi la sorpresa del finale. Il personaggio più esilarante per me è stato il traduttore, RUOTOLO. Chiamato in causa per tradurre il linguaggio perfetto del ciambellano in dialetto napoletano e il dialetto stretto di Antonio in italiano corretto. A sentirli parlare sono uno spasso.
Ho riso dall'inizio alla fine. Alla fine anche un po' commossa devo ammettere.
Lo consiglio a tutti.

lunedì 1 luglio 2013

Lincoln, il cacciatore di vampiri

Un' altra rivisitazione dei vampiri.
Questa volta senza troppe spiegazioni, riescono a stare alla luce del sole, si fanno invisibili, si trasformano in pulviscolo... Sono brutti, molto poco coloriti e si trasformano in mostri con zanne enormi e bocche gigantesche tipo i Visitors. Dei classici vampiri hanno poco... mancano soprattutto del loro tipico charme. Peggio ancora, non possono uccidersi tra loro. Che novità è questa? Perché i vampiri non possono uccidersi tra loro?  ( 0_0 )
Lincoln che caccia i vampiri è una cosa che ha dell'incredibile, non in senso buono. Voglio dire... Il presidente Abramo Lincoln era un cacciatore di vampiri? Ma cosa volete inventare ancora? Diciamo che estrapolandolo (si può dire???) dal contesto, è passabile. Scorre in fretta, non annoia, le scene di lotta sono ben costruite... mi piace molto che le lotte avvengano in slow motion... danno più forza alle azioni. L'attore che interpreta Lincoln è molto alto, per cui come tutte le persone troppo alte sembra un pochino goffo. Però quando usa l'ascia fa meraviglie... potrei paragonarlo per bravura ai nani guerrieri di Dungeons and Dragons. La storia è raccontata per sommi capi, non si entra molto nel merito di nessuna delle parti... Lui vede uccidere sua madre, vuole vendetta, fallisce e trova un maestro che gli insegna come combattere le creature della notte. Contemporaneamente si interessa di politica, si innamora, si sposa... Diventa presidente, intraprende una guerra per liberare gli schiavi (ovviamente stiamo parlando della guerra di secessione) e nel frattempo deve anche sconfiggere le creature mostruose che vogliono dominare le anime del mondo.
Troppo? Poco? credo risulti un po' confusionario, però alla fine in così poco tempo hanno saputo inserire tanti passaggi e molto di più, che fanno di questo film qualcosa di piacevole da vedere come passatempo pomeridiano. Ringrazio di non averlo visto al cinema, ma non mi dispiace di averlo visto sul pc. Che voto gli darei? La sufficienza con qualcosina di più.

domenica 23 giugno 2013

Thor - The dark world


After earth

Ci troviamo su Nova Prime, pianeta su cui ha trovato rifugio la razza umana. Il pianeta terra si è evoluto, modificando se stesso con lo scopo di distruggere tutti gli esseri umani. Ogni creatura è cambiata per la propria sopravvivenza. La natura si è ribellata.
E qui incontriamo immediatamente il tema dell'ecologia.
Se gli umani continueranno a distruggere ciò che li circonda, sarà una fine inevitabile. Ma, niente paura... Ci penserà una razza aliena mostruosa a eliminare il problema alla radice.
Nonostante abbiano combattuto per fuggire e sopravvivere alla razza aliena che li ha attaccati, gli umani sono ancora costretti a combattere e fuggire per non morire. La loro paura per l'ignoto scatena la produzione di feromoni che spingono gli URSA, gli alieni, a seguirne le tracce e a "mangiarseli". Allo scopo di combattere queste creature gli umani hanno formato un gruppo elitario di Ranger, che, addestrati a vincere la paura, riescono a combatterli. Non tutti però sono in grado di diventare "Ranger"... ne sa qualcosa Jaden/Kitai, il figlio di Will Smith che torna a recitare al fianco del papà, in un ruolo ancora di "figlio di suo padre".
Will/Cypher è il generale Raige, ranger qualificato che ha sconfitto la paura ed è diventato invisibile agli Ursa, che non fiutando i suoi feromoni non ne percepiscono la presenza.
Per diventare generale ovviamente ha messo la carriera davanti alla famiglia... vi ricorda niente?
Diciamo che è un po' quello che ormai fanno tutti... prima il lavoro poi i figli...
Questo però porta la famiglia a soffrire per l'assenza del genitore (non solo nel film). A questo punto ci troviamo davanti ad un altro passaggio importante, il senso di insoddisfazione (da parte di tutti), di colpa (da parte del padre) e di approvazione (che i figli cercano dal papà assente).
Kitai vuole farsi notare dal padre, dimostrandogli che può diventare ranger anche lui, ma fallisce...
Il generale affronta la cosa da generale e non da padre... e per riparare al torto decide di passare del tempo con il figlio. Lo porta in missione... OVVIAMENTE, la navicella incappa in una tempesta magnetica di meteoriti e precipita su un pianeta in quarantena. Che pianeta sarà???
La terraaaa!!!! Chi sopravvive??? Lorooo!!!
Kitai sentirà presto il peso della responsabilità, per salvare se stesso e il padre, ferito nell'impatto. Sul pianeta assieme a loro c'è l'ursa che stavano trasportando e che si è liberato e lui dovrà attraversare la valle per recuperare il segnalatore d'emergenza per chiedere soccorso. A questo punto, l'imperturbabile generale che fino a questo momento non provava nessuna paura, inizia a cedere.
Il figlio, in pericolo, la fuori... l'ursa in giro... Pian piano si scioglierà quel muro di ghiaccio attorno a lui e comincerà a temere per la vita del figlio. Qui incontriamo il senso di colpa del padre che ha abbandonato la famiglia per combattere e non era presente quando la primogenita è stata attaccata e uccisa. Deve espiare la sua colpa... e deve fidarsi del figlio. Kitai dal canto suo, ha sempre sentito sua la colpa per la morte della sorella e ha incolpato il padre per la sua assenza. Ora dimostrerà al padre che non è un vigliacco e gli salverà la vita. A questo punto, a mio parere, emerge Shyamalan, con vari spunti su Cristo e sulla trinità. (Unbreakable ne ha mille di significati cristologici.)
  1. Kitai nei momenti di paura e sconforto deve mettersi su un ginocchio e sentire il momento. Cristo durante la via crucis si mette in ginocchio quando deve raccogliere le forze per riprendere il cammino.
  2. Durante il viaggio verso la coda della navicella, viene prima attaccato e poi salvato da un'aquila gigante. L'aquila è nell'apocalisse di San Giovanni, colei che salverà il bambino dagli artigli del drago rosso, e condurrà lontano la vergine Maria e Gesù per un tempo, due tempi e la metà di un tempo.
  3. Per sconfiggere la paura Kitai deve fare quello che gli dice il padre. Cristo, accetta la volontà del Padre e sconfigge la morte.
Che altro dire?
Potrei continuare ad essere critica, ma voglio dire una cosa diversa. Mi è piaciuto, nonostante tutti i difetti che si possono riscontrare e tutte le critiche che si possono fare.
Mi è piaciuto rivedere padre e figlio di nuovo insieme, vedere la somiglianza tra i due.
Mi sembrava di vedere "Will, il principe di Bel Air".
Mi è piaciuto vedere le scene in cui sono seduti affianco nella navicella e lui ride senza motivo solo perché è accanto al papà, mentre il papà lo guarda serio senza capire e continua a leggere. Mi è piaciuto vedere il pianeta terra di nuovo rigoglioso, come potrebbe essere se smettessimo di distruggere tutto.
Mi è piaciuto vedere che nonostante il pianeta si sia evoluto per distruggere il genere umano, resta nel cuore delle creature l'amore innato che Dio gli ha dato. Vedere l'aquila che si sacrifica per salvare Kitai, che a sua volta aveva cercato di salvare la nidiata dalle belve. E' uno scambio d'amore gratuito.
Vedere come Kitai passa da piccolo pauroso ad adulto che affronta il pericolo.
"Il pericolo è reale, la paura è una scelta!" gli dice il padre. Una cosa da incoscienti, nella normalità, ma nel film funziona. Ma ci sono dei punti che sono rimasti incompleti.
  1. Perché gli Ursa li vedono solo attraverso l'olfatto? i feromoni, ok. Ma se sono ciechi com'è che vedono benissimo il paesaggio che li circonda? come fanno a non sbattere contro le rocce e non cadere nei burroni?
  2. La terra che è ritornata rigogliosa, perché di notte ha una temperatura che scende sotto lo zero? Perché non essendo più abitata non produce più calore? Ma il sole non dovrebbe riscaldarla comunque? Di notte e di giorno?
Mah!
Tutto sommato non è stato poi così male. Tenendo conto che di Shyamalan c'è solo la regia... non mi aspettavo di meglio. Gli effetti speciali sono ok. I paesaggi sono bellissimi, ma in fin dei conti si tratta del pianeta terra, che volete? Sarebbe bello allo stesso modo se lo trattassimo meglio...

sabato 22 giugno 2013

Iron man 3


Gangster squad

Un classico d'azione.
Boss, pupa del boss, pallottole, corruzione, violenza, potere, polizia allo sbando e squadra sotto copertura per sconfiggere la malavita.
Strano effetto rivedere Hanna e Jacob insieme, in altre vesti. Mi ha ricordato Maverick, con Mel Gibson e Danny Glover. La scena della rapina in banca in cui si guardano e fanno no con la testa, poi si riguardano e fanno di nuovo no con la testa.
A vederli al bancone del bar  mentre parlano e si guardano sembra che debbano dire: "Ma non ci siamo già visti?"
Cmq, molto belli insieme anche qui. Sean Penn nella parte del boss è fantastico. K (altra citazione), sembra che debba tirare fuori il flash dalla tasca.
E poi c'è Sarah Linden nella parte della moglie di K... Ovviamente i nomi non sono questi, è solo che vederli a poca distanza dagli altri film mi ha confuso un pochino le idee.
(^_^ ) Scherzo! hihihihihih...
No, cmq... mi sembrava di essere tornata piccola, quando con mio padre vedevo tutti questi film sui gangster e sulle sparatorie e la pupa del boss... e che pupa!
Di nuovo rossa, vamp e gatta. Emma Stone è sempre favolosa, non per niente è in copertina!
Alla fine del film sconfiggono il boss, non per le sue continue malefatte, ma per un suo ultimo errore che ha avuto un testimone che lo ha inchiodato.
Non vi ricorda qualcun altro?
Si, proprio lui. Al Capone!
Arrestato alla fine per evasione fiscale! Con tutta la morte che aveva causato... roba da pazzi!

venerdì 21 giugno 2013

Cercasi amore per la fine del mondo

Alla fine del film sono rimasta senza parole. Pensavo fosse la solita commedia, che vuole affrontare come mille altri film il tema dell'apocalisse. Classica americanata in cui sono tutti effetti speciali, distruzioni varie, scene apocalittiche... e il classico finale in cui il mondo si salva e i buoni "vincono".
Mai visto un film che affronta questo tema in modo così personale e introspettivo.
La fine del mondo è vicina... Che fare dunque?
Qui non ci sono le classiche famigliole che restano unite e pregano che Dio li aiuti e che tutto si risolva per il meglio. Una cosa risulta chiara... fin dall'inizio. Un meteorite gigantesco sta precipitando sulla terra e lo schianto avverrà entro 21 giorni. L'ultima missione spaziale è fallita a causa di un incendio scoppiato a bordo dello Shuttle, che ha ucciso l'equipaggio e distrutto il velivolo.
Non ci sono più speranze. Di qui ha inizio la follia... Gente che distrugge tutto, che uccide, che si fa uccidere. E poi, ci sono loro due. Penny e Dodge. Non si conoscono ma sono vicini di casa da 3 anni.
A lei capita di trovare la posta di lui nella buca delle lettere. Poi si conoscono... Lui è stato lasciato dalla moglie senza spiegazioni, nell'auto, in mezzo alla strada, subito dopo aver sentito del fallimento della missione alla radio. Lei ha appena lasciato il suo ragazzo e piangendo si rifugia sulla scala antincendio. Ecco l'incontro... "Ti va di entrare?" "Non ti rubo niente se tu non ci provi..."
Iniziano a parlare, a raccontarsi e fanno amicizia. Lei gli da la sua posta e lui trova una lettera che gli ha inviato la sua fidanzata del liceo, Olivia. Ecco cosa fare, dunque.
Troviamola e ritrovatevi, dice lei. Si mettono in viaggio. Mai viste le strade americane così vuote. Durante il viaggio lei gli racconta della sua famiglia e lui decide di aiutarla a tornare da loro per essere con le persone che ama nel momento dell'impatto.
Sarà un viaggio di riscoperta per entrambi, di resoconti sulle loro vite, di rimpianti e di illuminazioni.
Lui porrà fine alla più grande sofferenza della sua vita, per aiutare lei. E ritroverà il padre che lo ha abbandonato da piccolo, e lo perdonerà. Lei capirà che le sue storie d'amore non sono mai state "straordinarie" come quella dei sui genitori e scoprirà in Dodge, la persona straordinaria di cui ha sempre avuto bisogno. Lui capirà che Olivia è giusto che resti la sua fidanzata del liceo e ricambierà la lettera. Ma ancor più chiaramente capirà che Penny è l'amore della sua vita. E la lascerà andare.
La fine è vicina, il meteorite è più veloce di quello che si pensava e l'ultima settimana diventa: "16 ore all'impatto". Dodge ora è solo, Penny è dalla sua famiglia, sua moglie con il suo amante, che si scopre aver sempre avuto, così dalla scala antincendio si rifugia a casa di Penny per sentirla vicina fino alla fine. Mi sentivo angosciata assieme a lui, mentre ascoltava i vinili e pensava. Poi, Sorry, il cane che gli lascia qualche sconosciuto, inizia ad abbaiare. Appare Penny, che si è svegliata sull'aereo e ha chiesto al pilota di tornare indietro, per tornare da lui. Così, insieme, stesi sul letto, guardandosi negli occhi e parlandosi aspettano insieme l'impatto. Si sono ritrovati e resteranno insieme fino alla fine;
prime due esplosioni, i piccoli frammenti sono arrivati;
P. - "pensavo che ci saremmo salvati a vicenda..."
D. - "l'abbiamo fatto... sono follemente innamorato di te. Penny sono felice di averti incontrata!"
Lei sorride tra le lacrime e l'impatto illumina tutto come se fosse un'esplosione nucleare.
Fine
Finisce così... Non si salvano. E' veramente la fine del mondo. Niente americanate, ne distruzioni apocalittiche, ne effetti speciali. E' un viaggio nel loro io, nei loro sentimenti e nelle loro paure. Non c'è tempo... non si può tornare indietro. Non si può rimediare... Devi solo andare avanti e affrontare con coraggio quella che sarà la fine.

giovedì 9 maggio 2013

Hemlock Grove parte 3°

Lo sapevo! Avevo avuto sentore di quello che oggi ho scoperto vedendo l'ultimo episodio, già dal secondo episodio andato in onda... e non sbagliavo!!! Me ne sono accorta sapete da cosa? Dal fatto che Roman poteva far fare alle persone quello che voleva solo guardandoli... Stupendo! Telefilm bellissimo, a parte alcune scene un pochino spinte, ma poi del tutto chiaro e limpido... coinvolgente fino alla fine. Sono contenta che la 1° serie sia autoconclusiva; lascia poco spazio ad un possibile seguito... chi deve morire, muore, che deve sopravvivere, lo fa... mi dispiace solo che abbiano rovinato la storia di Letha e Peter... e che alla fine gli angeli di cui si parla all'inizio non ci siano veramente... ma si sa... i vampiri possono suggestionarti e incantarti... è il loro charme! Ripeto, è stato stupendo...

martedì 30 aprile 2013

Cyborg 009


testo:

Cyborg, cyborg, cyborg...
nove magnifici, imprevedibili
nove invincibili, inafferrabili
siamo i cyborg...
Tutti per uno uno per tutti
siamo i cyborg...
Tutti e nessuno, nessuno e tutti
Siamo i cyborg...
Stringi i pugni e vai,
mari e monti tu scavalcherai
e nessuno ti fermerà mai
stringi i pugni e va', vai...
ti nasconderai
ti troveranno e per te saran guai
molto meglio se scomparirai,
stringi i pugni e va', vai.
Nove magnifici, insuperabili
Nove fantastici, indistruttibili
siamo i cyborg...
Tutti per uno, uno per tutti
siamo i cyborg...
tutti e nessuno, nessuno e tutti
siamo i cyborg
vai tranquillo, vai...
molto meglio non cercare guai
con quei nove non si sa mai
vai tranquillo e va', vai...
Altrimenti poi
d'esser nato tu ti pentirai
con quei nove non si sa mai
vai tranquillo e va', vai...
nove magnifici, imprevedibili
nove invincibili, inafferrabili...
siamo i cyborg...
siamo i cyborg...
siamo i cyborg!

Microsuperman


il testo:

Microsuperman
Microsuperman
ecco un raggio abbagliante che va
che rimbalza ora qua e poi là
poi un lampo violento
ed il fischio del vento che va...
Microsuperman
Microsuperman
e' partito dall'elmetto che ha
che gli serve per colpire si sa
chi ti fa prepotenze illusioni e speranze ti da...
Con due ali dietro di noi
si può andare dove vuoi
noi possiamo tutto
siamo androidi
(androidi)
androidi
(androidi)
androidi...
Microsuperman
Microsuperman
il nemico è quel ragno laggiù
ecco un lampo e già lui non c'è più
solo un lampo violento e poi l'urlo del vento che va...
Microsuperman
Microsuperman
la vittoria a noi non sfuggirà
e di nuovo il mondo in pace sarà
questo sarà il compenso
per il nostro consenso chissà...
Yanma
Yanma
Akeba
Akeba
Mamezo
Mamezo
Yanma
Yanma
Con due ali dietro di noi
si andare dove vuoi
noi possiamo tutto
siamo androidi
(androidi)
androidi
(androidi)
androidi
(androidi)
Microsuperman
Microsuperman
ecco un raggio abbagliante che va
e rimbalza ora qua e poi là
poi un lampo violento
e il fischio del vento che va...
Microsuperman
Microsuperman
la vittoria a noi non sfuggirà
e di nuovo il mondo in pace sarà
questo sarà il compenso
per il nostro consenso chissà...
Microsuperman
Microsuperman

Belfy e Lillibit

Oddio, ve lo ricordate questo? Ero piccola piccola quando lo vedevo...

ecco il testo:

Ma che strano
io non sapevo che un lillipuziano
un po' folletto e per tre quarti nano
guardasse i bimbi a naso in sù
sù sù sù
Ma che strano
sta la sua casa dentro la mia mano
una libellula per aeroplano
per astronave un marabù
Sopra un ramo gioca Lillibit 
disegnando dentro a un cielo blu
marachelle ride a crepapelle
sbriciola le stelle lassù
Mescolando fichi e fantasia
lui cucina per la compagnia
marmellate, scherzi e birbonate
torte un po' salate
Bleah!!
Ma che strano
io non sapevo che un lillipuziano
un po' folletto e per tre quarti nano
guardasse i bimbi a naso in sù
sù sù sù
Ma che strano...
__________
Corre corre Belfy sulla scia
di avventure piene di poesia
animali leggono i giornali
anche senza occhiali così
Nel villaggio regna l'allegria
è il più strano posto che ci sia
anche il vento ruzzola contento
corre fino al cento e va
(parlato)
Ma che strano, io non sapevo che un lillipuziano
un po' folletto e per tre quarti nano
guardasse i bimbi a naso in sù, sù sù sù
Nonno: Ma che strano, così tu non sai che un lillipuziano è...
Bimbo: Un po' folletto e per tre quarti nano, uffa!!!
Nonno: Eh sì! Guarda i bimbi a naso sù!
Bimbo: Sù sù sù???

Bem il mostro umano

Tornando sul tema dei cartoni animati, visto che è da un po' che tralascio questa parte del blog, mi sembrava giusto inserire la sigla ed il testo di Bem! Siamo in periodo horror, per cui...


Bem il mostro umano:

Notte bianca di spavento,
notte nera di terrore
acqua pioggia neve e vento...
lampi e tuoni di furore
Con un rantolo agghiacciante
l'assassino col coltello
squarta e taglia ad ogni istante...
chiunque incontra nel castello
Ma dal mondo dell'orrore
dove il cielo è sempre nero
piomba il figlio del mistero
più veloce del pensiero (del pensiero)
Arriva Bem nemico del mal,
che in bocca tien mille pugnal
Solo tre dita, due occhi di ghiaccio,
sessanta vipere sopra ogni braccio
Dell'assassino lui fa un macello,
lo pesta a sangue con un randello
Notte bianca di spavento,
notte nera di terrore
acqua pioggia neve e vento...
lampi e tuoni di furore
S'ode un passo strascicato,
s'ode un colpo di martello
scende a terra l'impiccato...
dove tocca fa un macello
Ma dal mondo dell'orrore
dove il cielo è sempre nero
piomba il figlio del mistero
più veloce del pensiero (del pensiero)
Arriva Bem nemico del mal,
che in bocca tien mille pugnal
Ha squame verdi sopra la pelle,
lingue di fiamme sopra le spalle
Dell'impiccato lui fa un fagotto,
lo pesta a sangue con un cazzotto
Notte bianca di spavento,
notte nera di terrore
acqua pioggia neve e vento...
lampi e tuoni di furore...
lampi e tuoni di furore...
lampi e tuoni di furore...

lunedì 29 aprile 2013

The originals

Spin off di TVD, pronto per la messa in onda. Ci mostrerà il trio, ma forse il duo, dei fratelli che hanno dato il via alla stirpe vampiresca, trasferirsi a New Orleans, per ricominciare daccapo, costruendosi una famiglia, grazie a quel lato mannaro che i cari fratellini hanno sempre odiato del loro fratello maggiore.
Ebbene si, anche qui troviamo il classico tema, trattato come al solito, si direbbe... La stirpe che prolifica è già stata vista altrove e a tal proposito ho espresso le mie opinioni in questo post... Ora, alla luce di tali mie osservazioni, nel momento in cui ho visto l'episodio, mi è venuto spontaneo esprimere un epiteto, ma... a seguito di altre osservazioni ho raggiunto un accordo con la questione.
In effetti, Klaus è un ibrido, metà vampiro, metà lupo mannaro, per cui proprio non morto non è, se vogliamo dirla tutta, ma cmq, se fosse successo con Caroline avrei avuto molto di più da ridire. In realtà il fatto che accada con Hayley, ha più senso. Lei è una bella lupacchiotta, molto viva... per cui può procreare tranquillamente!
Ahimè, a causa di tutto ciò, il nostro Klaus dovrà dire addio definitivamente alla sua Caroline, che tanto sua non si sente, diciamola tutta... a meno che gli autori non vogliano creare un triangolo, portando la biondina a New Orleans, insieme all'allegra famigliola!

Hemlock Grove bis

Dopo aver visto i primi episodi, sono giunta ad una conclusione: "Lo adorooooooo!!!!" E' un mix di creature sovrannaturali, che non hanno nulla a che vedere con i soliti serial che vanno ormai per la maggiore. Ci sono si, i lupi mannari, ma sono più misteriosi e cattivi ( e meno presenti ) di quelli che ci hanno appioppato nei filmetti e nelle serie tv ultimamente... In più si parla di "Angeli", quelli veri, con le ali bianche di piume e di mostri che sono il risultato di qualche esperimento, che possono vedere delle cose, come se avessero delle visioni e poi ci sono le leggende dei gipsy, con varie stramberie e credenze popolari... e le scene splatter non mancano mai. Sembra sempre che da un momento all'altro debba morire qualcuno... Infatti così accade... Il secondo corpo che trovano è agghiacciante... ti da la sensazione, come in Twin peaks... che ci sia qualcosa di maligno che aleggia nell'aria.
Mi piace! Finalmente qualcosa di diverso...
Oh, e poi... c'è Shelley, la ragazza enorme e deforme che quando prova emozioni e la sfiori brilla di un azzurro stellato, che nasconde qualcosa di meraviglioso secondo me... sembra pronta per trasformarsi... magari si trasformerà in un angelo di luce... mah!

venerdì 19 aprile 2013

"Sangue sul muro" di Tizio Sospetto

Di recente ho scoperto il blog in questione e me ne sono innamorata... Per lo più parla di serial killer, horror, paure e via dicendo...
L'autore è spassoso... scrive in maniera molto scorrevole e per di più è divertente... leggendo qua e la nel suo blog mi sono fermata spesso a riflettere su ciò che scrive... e ho trovato vere (ed esilaranti) molte sue riflessioni e molti suoi pensieri. Se leggete le Paure irrazionali, ad esempio, potete capire a cosa mi riferisco... se leggete Le fobie che non sapevate di avere, capirete ancora meglio quello che voglio dire.
Se leggete le sue riflessioni sul Serial killer che è un po' in tutti noi, vi troverete d'accordo con me, che la sua è una verità assoluta, e non fate finta che non sia così. Sappiamo bene che nel profondo siamo tutti dei potenziali assassini, così come siamo tutti dei potenziali ladri, adulteri e quant'altro.
E' qualcosa che ultimamente mi riscopro ad essere, di continuo... Con tutto quello che sta accadendo nella mia vita, mi riscopro ad odiare così fortemente che penso alla morte [(non mia!) hihihihih ^_^] come qualcosa che potrebbe risolvere la maggior parte delle mie crisi e depressioni...
A volte quando ho questi momenti una cosa che mi risolleva un po', diciamo che mi calma, è più corretto, è la musica nelle cuffie che mi isola da tutto per un lasso di tempo sufficiente a calmare la rabbia che mi assale. Quale musica ascolto? Dipende dal momento, spesso se si tratta di tristezza o angoscia, ascolto Eros... direte voi: che cagata!!! lo so non a tutti piace, ma è legato alla giovinezza, a bei ricordi, per cui è quello che mi ci vuole "in certi momenti", a buon intenditor... Altre volte, quando non posso sfogare la rabbia o lo stress in alcun modo, Eros va a farsi friggere assieme alla mille belle parole che mi salgono dal cuore e sparo a palla nelle cuffie, che ora sono earpods, i Rhapsody, i Metallica, i Within Temptation... e la me che ribolle si quieta e ricomincia a respirare.
Questi sono i WT, una delle tante canzoni:

Questi i Rhapsody, li amo, non c'è che dire... l'assolo della chitarra elettrica a 3:53 è una favola... per non parlare di quello a 7:55, la metallara che è in me a volte ha la meglio sulla mamma che sono ora!
Ma il migliore resta sempre Satriani!

mercoledì 3 aprile 2013

Hemlock Grove

In arrivo, prossimamente, una nuova serie, ancora sui lupi mannari... (siccome erano pochi...)
Questa volta però sarà un pochino più cruda (nel vero senso della parola... ahahaha...)
La scena che riporto è quella della trasformazione... Una cosa davvero disgustosa!
Di trasformazioni se ne sono viste di tutti i tipi, che io ricordi, ma così splatter, diciamo che non si è mai visto... Per non parlare di quello che succede alla fine della trasformazione... Già di per sé era rivoltante, ma alla fine è da vomito!
La domanda nasce spontanea: ma quando poi dovrà tornare essere umano, come farà, se si è mangiato i resti del suo corpo? Non oso immaginare cosa avranno inventato... spero solo che non si finisca nell'ovvietà!

giovedì 7 marzo 2013

Immagina che

Molto, molto carino! Preparatevi a sorridere, a ridere e a versare qualche lacrimuccia.
Eddie Murphy è scandalosamente bravo; fa ridere e fa commuovere... Qui interpreta un uomo d'affari sempre preso dal lavoro che trascura continuamente la figlioletta, che a sua volta vorrebbe solo avere un po' d'attenzione dal padre. Durante una fase cruciale di crack finanziari, Evan capisce che Olivia è la sua unica salvezza per superare i problemi e salvare il suo lavoro. La copertina della figlia, infatti sembra essere magica; grazie ad essa la figlioletta, furba, capisce che per attirare la sua attenzione deve assecondarlo nelle sue richieste e riesce in questo modo a passare del tempo con lui.
Tutto degenera quando capisce che per il padre la copertina è più importante di lei. Il papà, nella delusione  di Olivia, viene allontanato. Un po' in ritardo, ma in tempo per il gran finale, anche Evan capisce di aver fatto un grosso sbaglio e si presenta indossando abiti da re e una corona, alla recita di Olivia per salvarla dalla paura del canto. Lo sguardo di Olivia e il suo sorriso ricolmano il cuore di gioia!

martedì 5 marzo 2013

Rock of Ages

Ancora un'altro film musical... Il tema è quasi sempre lo stesso... La colonna sonora è la parte migliore!
Un cast troppo elevato per il film, forse per attirare di più l'attenzione... Piccole parti qua e la, di poco spessore. Nessuno spicca sugli altri e nessuno è meno degli altri... Ritroviamo la protagonista di Footloose 2011, qui meno appariscente e più ragazzina di quanto avrebbe dovuto essere nella parte della figlia del reverendo Moore; Tom Cruise è a posto nella sua parte, ho trovato divertente una delle ultime scene in cui entra nel Bourbon per cercare Constance e una ragazza gli si appiccica addosso per baciarlo, lui la bacia guardando Constance che imbarazzata dal bacio che non finisce mai resta paziente a guardare e ad aspettare... Catherine Zeta Jones è la più credibile a mio parere. Si vede che è una grande attrice! Molto sminuito Alec Baldwin, sempre più grasso e trasandato... Drew, lo ritroveremo poi in Glee nella parte di Jesse St James, dei Vocal Adrenalin.
Tutto sommato mi aspettavo qualcosa di meglio, invece è stato deludente.

Scontro tra Titani


Percy Jackson - Il ladro di fulmini


La furia dei Titani

domenica 3 marzo 2013

Candy Candy

Mia figlia qualche giorno fa mi ha chiesto di vedere gli episodi della serie di Candy Candy... essendo io, un'amante di Candy fin da bambina ed avendo, ovviamente, tutta la serie in dvd, ho prontamente acconsentito... come pensavo se ne sta innamorando anche lei.
Poi per curiosità, non ricordo neanche cosa stavo cercando, sono andata su internet cercando qualcosa su Candy e sono finita su un forum, alfemminile, ed ho trovato una discussione sul finale di Candy... quello da noi conosciuto, quello mai mandato in onda e quello originale del fumetto. Mentre leggevo mi sono imbattuta in un commento di una lettrice, una visione molto adulta della serie e mi sono fatta una marea di risate... non potevo ovviamente lasciare fuori dal blog un tale, esilarante, commento, per cui eccolo qui:
di Delenda1:
A me Candy ha rovinato la vita
sostanzialmente mi ha insegnato che:
  1. non ci si può fidare di nessuno
  2. la gente buona muore, quella cattiva scassa le palle finché non muori tu
  3. i fighi ma stronzi (Terence) non cambiano mai
  4. quando cambiano e diventano buoni e stabili, finiscono con le sfigate, mica con te
  5. alla fine, dopo tanto, pare si finisca con uno ricco e più vecchio, ricordandolo com'era da giovane
  6. se salvo la vita a Johnny Depp questi sarà costretto poi a sposarmi
  7. le gatte morte (vedi Annie) son quelle a cui la vita sorride di più
  8. l'essere solari (vedi Candy) porta soltanto a due anni di episodi ricchi di casini e delusioni
  9. la bacchetta magica serviva di più a Candy che a YU
  10. i soldi risolvono TANTI problemi
Che poi, tutti i torti non ce li ha... Ahahahahahahahahahahahah...

sabato 2 marzo 2013

Footloose 2011

Ottimo remake. La storia è esattamente la stessa, i personaggi ci sono tutti. Personalmente preferisco il cast di questa versione più moderna, sarà che Kevin Bacon proprio non lo sopporto, Lori Singer non mi faceva impazzire e "Willard" era troppo antipatico. Il Ren di questo è molto più carino, Willard è simpaticissimo e Ariel è stupenda...
Cmq, c'è di bello anche la musica... se prima era prettamente anni 80, ora c'è anche quella moderna oltre al classico brano portante. Le scene riprendono molto lo stile del vecchio, parlo delle inquadrature e delle ambientazioni... tipo il cotonificio... La gara in trattore questa volta vede schierati i contendenti su pulmini della scuola adattati per l'occasione, mentre al ballo, persino l'abito indossato da lei è uguale a quello indossato da Lori, se non fosse che uno è bianco e l'altro è rosa.
Lei, Julianne Hough, è strabiliante! E' perfetta, bellissima, bravissima, balla che è una meraviglia e ha due occhi azzurri che sembrano acqua... ricorda molto il sorriso di Jennifer Aniston misto ad alcune espressioni di Ellen Pompeo.
La musica e i balli sono contagiosi, fanno venire voglia di ballare!

Trust

Pensare che queste cose al giorno d'oggi siano parte della quotidianità mi fa rabbrividire... Ragazzine innocenti che conoscono in chat il loro stupratore e che passano le giornate sui social network, senza nessun controllo... Così deboli e fragili che plagiarle mentalmente risulta una cosetta da niente... Falle sentire belle e amate ed entreranno nella classica fase di amore verso il loro rapitore/stupratore/aguzzino chicchessia... (vedi: Sindrome di Stoccolma) I genitori fanno più danni che altro; tutti sanno tutto e la trattano come una bimba di due anni... Lui è un maniaco recidivo e .... bleahhhhh... obbrobrio!!!!
E' stato un film deprimente e angosciante. Sicuramente voleva essere una denuncia ai tempi in cui ci troviamo, in cui i ragazzi sono poco controllati e vivono su internet senza protezione... Alla fine non si conclude nemmeno la ricerca del bastardo pedofilo... Ma dico io, un CAZZO di identikit del famigerato "Charlie" che lei ha conosciuto e che è stato visto anche dall'amica e di cui lei ha varie foto sul pc, anche se lo ritraggono da ragazzo, con tutto l'FBI di mezzo, non lo si fa fare????? Ma scherziamo???? E' assurdo!!!

venerdì 1 marzo 2013

La memoria del cuore

Tratto da una storia vera.
Il film narra di una giovane coppia di sposi che durante una nevicata ha un incidente in auto che causa un forte trauma alla testa alla ragazza. Alla ragazza viene indotto il coma farmacologico finché non guarisce l'ematoma e poi viene risvegliata. Al risveglio ha perso la memoria degli ultimi 5 anni. Quindi non ricorda di essere sposata, non ricorda suo marito, non ricorda di essere un'artista...
Il marito preso dalla disperazione decide che l'unica cosa che può fare per non perderla è farla innamorare di lui ancora una volta, come era già successo 5 anni prima. Non sarà facile, perché sarà ostacolato continuamente dai genitori di lei che non vogliono che la figlia si "rovini di nuovo la vita".
(Che palle 'sti suoceri!)
Ci sarà un divorzio sotto la spinta del papà di lei, ma alla fine torneranno insieme.
Nei titoli di coda scorre una scritta che dice:
"La coppia ora è felicemente sposata e ha due figli.
Lei non ha mai recuperato la memoria!"
Oddio, 5 anni di vita persi, 5 anni di ricordi e di amore... Che dolore!

martedì 5 febbraio 2013

Men in black 3

Bellissimo! A mio parere il migliore della serie. Non solo per la storia, per il viaggio nel tempo, che trovo sempre affascinante, ma anche per i personaggi... Josh Brolin è irriconoscibile, come se stesso, molto più somigliante a K di quanto dovrebbe, sicuramente hanno saputo scegliere bene. Sembra veramente Tommy Lee Jones da giovane, anche se, diciamola tutta, quando rivela a J la sua età nel passato, una risata fragorosa è d'obbligo... 
- Ma quanti anni hai?
- 29
- Ah... te li sei fatti tutti contromano...
Il personaggio in assoluto che mi ha colpita di più è stato l'Unicorno Alieno, chiamato "Griffin l'Arcaniano", ultimo della sua specie... Egli vede il futuro nelle sue mille sfaccettature, calcola gli eventi e le probabilità... ogni situazione può avere un futuro diverso in base alle nostre azioni e lui le può vedere tutte! E' favoloso vedere le connessioni e i futuri possibili, ma soprattutto vedere attraverso i suoi occhi...
Voto: 8

domenica 3 febbraio 2013

Marilyn

Oh, che tristezza... Una persona così incantevole, tanto tormentata.
Vederla recitare nei suoi tanti film non rende l'idea di quello che era veramente. Un animo fragile dallo sguardo triste, sempre alla ricerca dell'amore... Quell'amore che non ha mai ricevuto nella vita se non verso il personaggio che era e non verso quella che era realmente. Una storia davvero toccante, mentre lo guardavo provavo dolore per lei... Un' interpretazione da oscar! Sembrava di vedere lei nei suoi film... Michelle Williams è stata straordinaria... pensare che il suo primo ruolo è stato Jen Lindley in Dawson's Creek.

Sua Maestà!


lunedì 28 gennaio 2013

Una spia non basta

Molto, molto carino... non c'è che dire. All'inizio, diciamo per i primi 15 minuti sembra un tantino lento e troppo noioso, poi dal momento i cui iniziano gli appuntamenti diventa davvero divertente. I due ragazzi/uomini che si fanno guerra e si mettono i bastoni tra le ruote fanno "scompisciare" dalle risate. Diventano come due bambini che si litigano il giocattolo nuovo. Bruttini tutt'e due in verità, almeno per me, io non avrei scelto nessuno dei due. Reese è sempre favolosa... La sua amica sposata è strana forte ma è simpatica allo stesso tempo...
Lieto fine per tutti!
Piccolo appunto: in originale il titolo (THIS MEANS WAR) è più indicato per quello che è il film... tradotto non rende appieno l'idea.

domenica 20 gennaio 2013

The wedding party

Orribile! Veramente orribile. A volte mi domando perché si spendono soldi per fare film del genere.
Una cosa inguardabile. Le protagoniste sono le ragazze amiche di liceo della sposa che devono farle da damigelle e sono delle vere stronze! Isteriche, drogate, gelose e false. Le vogliono bene, così dicono, ma poi la pugnalano alle spalle di continuo. L'unica che si salva e la damigella d'onore. La più gelosa di sicuro, ma almeno sa che deve tantissimo alla futura sposa per quel che fece per lei al liceo. E' un continuo stress, dall'inizio alla fine. Sesso gratuito, tradimenti e idiozia. Non lo consiglio. Facevo fatica a finire di vederlo, volevo interrompere dopo la prima mezz'ora. Non merita neanche 2.

martedì 15 gennaio 2013

Trilli 4

Per i bambini di sicuro ci sono molti bei film da vedere... Una serie che ho trovato graziosissima è stata questa di Trilli e delle sue amiche fate. Dalla nascita della fatina più famosa del mondo, fino alla scoperta della sua sorellina in questo episodio. Si farà nel tempo la conoscenza di tanti personaggi e si ameranno le fate dalla prima all'ultima. Per i loro poteri e per il loro carattere, per le loro stranezze e per il loro cuore. Lo consiglio a tutti i genitori che vogliono far vedere qualcosa di carino ai loro figli, maschi o femmine che siano!