venerdì 21 giugno 2013

Cercasi amore per la fine del mondo

Alla fine del film sono rimasta senza parole. Pensavo fosse la solita commedia, che vuole affrontare come mille altri film il tema dell'apocalisse. Classica americanata in cui sono tutti effetti speciali, distruzioni varie, scene apocalittiche... e il classico finale in cui il mondo si salva e i buoni "vincono".
Mai visto un film che affronta questo tema in modo così personale e introspettivo.
La fine del mondo è vicina... Che fare dunque?
Qui non ci sono le classiche famigliole che restano unite e pregano che Dio li aiuti e che tutto si risolva per il meglio. Una cosa risulta chiara... fin dall'inizio. Un meteorite gigantesco sta precipitando sulla terra e lo schianto avverrà entro 21 giorni. L'ultima missione spaziale è fallita a causa di un incendio scoppiato a bordo dello Shuttle, che ha ucciso l'equipaggio e distrutto il velivolo.
Non ci sono più speranze. Di qui ha inizio la follia... Gente che distrugge tutto, che uccide, che si fa uccidere. E poi, ci sono loro due. Penny e Dodge. Non si conoscono ma sono vicini di casa da 3 anni.
A lei capita di trovare la posta di lui nella buca delle lettere. Poi si conoscono... Lui è stato lasciato dalla moglie senza spiegazioni, nell'auto, in mezzo alla strada, subito dopo aver sentito del fallimento della missione alla radio. Lei ha appena lasciato il suo ragazzo e piangendo si rifugia sulla scala antincendio. Ecco l'incontro... "Ti va di entrare?" "Non ti rubo niente se tu non ci provi..."
Iniziano a parlare, a raccontarsi e fanno amicizia. Lei gli da la sua posta e lui trova una lettera che gli ha inviato la sua fidanzata del liceo, Olivia. Ecco cosa fare, dunque.
Troviamola e ritrovatevi, dice lei. Si mettono in viaggio. Mai viste le strade americane così vuote. Durante il viaggio lei gli racconta della sua famiglia e lui decide di aiutarla a tornare da loro per essere con le persone che ama nel momento dell'impatto.
Sarà un viaggio di riscoperta per entrambi, di resoconti sulle loro vite, di rimpianti e di illuminazioni.
Lui porrà fine alla più grande sofferenza della sua vita, per aiutare lei. E ritroverà il padre che lo ha abbandonato da piccolo, e lo perdonerà. Lei capirà che le sue storie d'amore non sono mai state "straordinarie" come quella dei sui genitori e scoprirà in Dodge, la persona straordinaria di cui ha sempre avuto bisogno. Lui capirà che Olivia è giusto che resti la sua fidanzata del liceo e ricambierà la lettera. Ma ancor più chiaramente capirà che Penny è l'amore della sua vita. E la lascerà andare.
La fine è vicina, il meteorite è più veloce di quello che si pensava e l'ultima settimana diventa: "16 ore all'impatto". Dodge ora è solo, Penny è dalla sua famiglia, sua moglie con il suo amante, che si scopre aver sempre avuto, così dalla scala antincendio si rifugia a casa di Penny per sentirla vicina fino alla fine. Mi sentivo angosciata assieme a lui, mentre ascoltava i vinili e pensava. Poi, Sorry, il cane che gli lascia qualche sconosciuto, inizia ad abbaiare. Appare Penny, che si è svegliata sull'aereo e ha chiesto al pilota di tornare indietro, per tornare da lui. Così, insieme, stesi sul letto, guardandosi negli occhi e parlandosi aspettano insieme l'impatto. Si sono ritrovati e resteranno insieme fino alla fine;
prime due esplosioni, i piccoli frammenti sono arrivati;
P. - "pensavo che ci saremmo salvati a vicenda..."
D. - "l'abbiamo fatto... sono follemente innamorato di te. Penny sono felice di averti incontrata!"
Lei sorride tra le lacrime e l'impatto illumina tutto come se fosse un'esplosione nucleare.
Fine
Finisce così... Non si salvano. E' veramente la fine del mondo. Niente americanate, ne distruzioni apocalittiche, ne effetti speciali. E' un viaggio nel loro io, nei loro sentimenti e nelle loro paure. Non c'è tempo... non si può tornare indietro. Non si può rimediare... Devi solo andare avanti e affrontare con coraggio quella che sarà la fine.

Nessun commento:

Posta un commento